Vai menu di sezione

Recensione - Orsi Paolo - Società italiana di cure palliative

Questo libro si fonda su 230 narrazioni spontanee e libere di 217 sanitari operanti nelle RSA del Trentino, raccolte per impostare 12 edizioni di un corso di cure palliative formulato ad hoc per questi posti ove tanti di noi andranno a morire. Questa raccolta di narrazioni, grande esempio di ricerca qualitativa, è al contempo sia un report scientifico, sia una preziosa raccolta di vissuti delle tre “tribù” che popolano le RSA: i malati, i familiari e i professionisti sanitari. Le narrazioni sono sapientemente sintetizzate e presentate con un lucido inquadramento dell’autrice e di esperti di varie professionalità che ne incornicia i tratti peculiari. È un libro molto scorrevole ma denso di fatti, di esperienze, di storie di vita e di emozioni che, come una luce soffusa e calda, riscaldano gli scenari di cura, delineando profili talvolta rassicuranti e talvolta preoccupanti. Ma questa è la realtà delle nostre RSA; ignorarla può solo peggiorare quel grande problema racchiuso in una piccola domanda: come assicurare una buona qualità di vita nella fase terminale degli “ospiti”? La lettura del libro permette di conoscere la complessità della RSA con i loro vari tipi di malati (anche molto giovani e/o con grandi fragilità e dipendenza, in condizioni terminali e non), i problemi clinici e relazionali specifici e la particolare organizzazione del lavoro.  La conoscenza di questo mondo è indispensabile per assicurare efficacia alle consulenze palliativistiche e alle azioni formative che i palliativisti sempre più spesso effettuano ed effettueranno in questo setting di cura.

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Lunedì, 17 Settembre 2018
torna all'inizio del contenuto