• Home
  •  > Top menu
  •  > Chi siamo

Presentazione della societÓ

Unione Provinciale Istituzioni per l'Assistenza - U.P.I.P.A. s.c.
380100 TRENTO - Via Sighele, 7
Iscrizione alla C.C.I.A.A. di Trento n. 1367/2000
C.f. e p. IVA 01671390225
Tel. 0461 / 390025       Fax  0461 / 397791

L'U.P.I.P.A. - Unione Provinciale Istituzioni Per l'Assistenza – con sede in Trento, Via Sighele n. 7, rappresenta il luogo d'incontro delle ex I.P.A.B. ora Aziende Pubbliche per i Servizi alla Persona della provincia di Trento e delle altre istituzioni (pubbliche e private) non aventi scopo di lucro che operano prevalentemente nel settore socio-assistenziale e sanitario.
 

Costituita nel 1970 e trasformatasi nel 1999 in Società cooperativa , si propone di coordinare l'attività dei soci e proporre idonee soluzioni ai problemi emergenti, di attuare forme di collegamento e di solidarietà tra gli associati, di rappresentare e tutelare gli interessi di questi ultimi nella contrattazione sindacale.
 

L'Unione coopera inoltre ad ogni iniziativa sociale nel settore dell'assistenza e si cura di predisporre programmi per la ricerca, la formazione e l'aggiornamento del personale degli enti associati.
 

Per tutti questi motivi è un luogo ideale d'incontro: qui interessi, bisogni, desideri degli enti associati trovano spazio d'espressione e possibilità di sviluppo nell'ottica di coordinare ed accelerare i processi di miglioramento dei servizi offerti e dei modelli di gestione.
 

Gli enti associati sono principalmente Aziende Pubbliche per i Servizi alla Persona . ovvero istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza: tali realtà rappresentano un segno della cultura della assistenza e della solidarietà che ha permeato per secoli le comunità trentine. Da qualche anno fanno parte della società anche istituzioni private che operano nel settore socio-assistenziale
 

Questi Enti oggi partecipano da protagonisti all' evoluzione delle politiche sociali grazie al loro radicamento territoriale, allo scambio continuo con altre istituzioni pubbliche e private, alla trasparenza della loro gestione, al patrimonio di competenze e di capacità organizzative di cui dispongono.
 

Si misurano con la sfida di offrire, soprattutto alle persone anziane non autosufficienti, servizi socio-sanitari di buona qualità, in grado di tutelarne la salute, la qualità di vita, i diritti umani, in una prospettiva di integrazione con le comunità locali.